CineReview: Jackie

Oggi è il turno di un film che ho amato particolarmente, Jackie. Con un’immensa Natalie Portman nella sua interpretazione di Jacqueline, la moglie del presidente assassinato John Fitzgerald Kennedy. Performance che, a mio modesto parere, meritava l’Oscar per cui è stata nominata, vinto poi da Emma Stone per La La Land.

Trama: questo film biografico segue le vicende di Jacqueline Lee Bouvier, detta ‘Jackie’, e la sua vita da First Lady alla Casa Bianca degli Stati Uniti d’America. Ci troviamo meno di una settimana dopo l’assassinio di suo marito, il presidente John Fitzgerald Kennedy, avvenuta il 22 novembre 1963 a Dallas, in Texas, sotto l’occhio shockato di Jackie. Il film ripercorre la vicenda attraverso le parole di quest’ultima, in un’intervista al giornalista di “Life“, Theodore H. White. I continui flashback ci fanno rivivere la vera personalità di Jackie, dai suoi lavori alla Casa Bianca, alla sua essenza di first lady, fino al suo modo di gestire la morte del marito, organizzando la cerimonia funebre.

ED-img9393534

La prima cosa che vorrei commentare insieme a voi di questo film è la performance strepitosa di Natalie Portman, veramente forte e toccante. L’attrice ha studiato l’accento particolare di Jackie, e lavorato tanto per riprodurlo più fedelmente possibile; motivo per cui sarebbe meglio vederlo il lingua originale. Inoltre il film ha vinto il premio come migliore sceneggiatura al Festival di Venezia del 2016.

Jackie era una first lady elegante ed attenta alla moda, famosi i suoi innumerevoli completi di Chanel, primo tra tutti quello indossato durante l’assassinio del marito macchiato di sangue, le cui foto hanno fatto il giro del mondo. Jackie si era impegnata tantissimo nel rinnovo degli ambienti della Casa Bianca, forse anche grazie alla sua giovane età, mostrati in un tour televisivo della casa.

Una doverosa precisazione: il film non racconta la vita, o la morte di JFK, quanto le reazioni della moglie a tutto ciò che ne seguì. Primo fra tutti, il fatto di dover assistere al giuramento di Lyndon Johnson, con il vestito ancora macchiato del sangue del marito. La decisione sconvolgente di proseguire il viaggio di ritorno a Washington con la bara, tenendo indosso lo stesso completo rosa, perché “devono vedere tutti cosa hanno fatto a John“, come lei stessa dichiarò.

jackie-film.jpg

La scelta per il funerale di seguire il modello di quello di Abraham Lincoln non fu casuale, ma un collegamento voluto con uno dei più grandi presidenti di sempre, nonché il primo a venire ucciso durante il suo mandato. Jackie prese questa decisione con l’opposizione di tutti coloro che le erano vicini, che lo ritenevano troppo pericoloso.

Jackie è stata una first lady giovane e diversa, molto apprezzata, soprattutto dopo la sua perdita. Jean Campbell del London Evening Standard scrisse di Jackie Kennedy, dopo averla vista al funerale di JFK, una notissima frase: “Da oggi ha dato al popolo americano una cosa che non aveva mai avuto: la maestà”.

La morte di John la toccò profondamente, tanto che eliminò le sue apparizioni pubbliche e si trasferì a New York. Dopo la morte del fratello di John, Robert Kennedy, con cui ha sempre avuto un buon rapporto, lasciò gli Stati Uniti per sposare Aristotele Onassis, che lasciò Maria Callas per lei. Jackie Kennedy morì nel 1994 a causa di un tumore.

Il film rappresenta un alto momento di cinema, Natalie Portman ci fa rivivere tutto il dolore e la sensazione di vuoto improvviso che Jackie si è trovata costretta ad affrontare. E’ un film potente, che vi lascerà una strana sensazione alla fine, uno dei film più profondi che abbia visto, e vorrei, ancora una volta, ribadire quanto la performance dell’attrice sia stata strabiliante.

jackie-1070x713

La cosa veramente forte è una non ricerca di vendetta o di un colpevole, ma la voglia di far conoscere al mondo quanto suo marito fosse un uomo buono, e quante cose di bello avrebbe avuto ancora da dare all’America, che l’aveva scelto come suo presidente. E ho avuto come la sensazione che Jackie volesse far vedere all’America tutto questo attraverso le sue parole. La sua completa devozione a JFK è da ammirare.

Voto personale: 9

-Valentina

2 pensieri riguardo “CineReview: Jackie

  1. Avevo già in programma di vederlo perché sembra molto interessante e perché trovo che Natali Portman sia un’attrice eccellente. Con la tua recensione ne sono ancora più convinta. Grazie

    Piace a 1 persona

    1. Nei film che ho visto con Natalie è sempre stata strepitosa, ma in questo credo si sia veramente superata! Fammi sapere poi cosa ne pensi quanto lo vedi, e grazie a te 😊

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close